Romano ma milanese di adozione, Luca Gemma era già negli anni 90 protagonista della musica italiana con i Rosso Maltese, insieme a Pacifico. Oggi, a cinque anni dal suo ultimo lavoro solista, torna con Fantastiche visioni, un flusso inquieto che si alterna a momenti più morbidi e rarefatti, con atmosfere crepuscolari tra canzone d’autore e influenze internazionali. Ne abbiamo parlato con lui.

QUANTO TI SENTI HYPFI? CIOÈ, FAI MUSICA TRISTE MA SEI UNA PERSONA FELICE?
Io direi che le mie canzoni hanno spesso un mood malinconico, ma non triste. La felicità poi è una questione di momenti e bisogna farsi trovare pronti per non farsela sfuggire. Quando arriva, io spesso mi metto a suonare e scrivere canzoni, che poi di solito hanno un mood malinconico. E così si chiude il cerchio, dentro il quale ci sono io, in bilico “sul precipizio del mio cuore”.

QUAL È LA CANZONE PIÙ TRISTE DEL TUO ALBUM, FANTASTICHE VISIONI, E PERCHÉ?
Credo sia L’errore, perché parla di una mancanza e nel ritornello dice: “la tua assenza sai cos’è, è l’errore dentro me”. A volte l’assenza di una persona riporta al cuore momenti di gioia e quindi di sollievo, tanto da sembrare una presenza. A volte invece la percezione che quell’assenza è per sempre, lascia un senso di vuoto che è tristezza e basta.

E QUAL È INVECE LA CANZONE PIÙ FELICE DELL’ALBUM?
L’aria del mattino, perché parla di rinascita, di ritorno al mondo e alla vita dopo un brutto momento, nella fattispecie un intervento chirurgico importante che ho subito nel 2017. Descrive la sensazione del corpo che si rimette in moto, in cui l’aria con fatica ricomincia a circolare nei polmoni e nel contempo ti schiaffeggia la faccia e ti ricorda che sei vivo. E felice di esserlo.

IN CHE MODO LA TUA MUSICA POTREBBE RENDERE FELICE CHI L’ASCOLTA?
Andando a sentire il mio album precedente del 2017. Si intitola La felicità di tutti e c’è anche in vinile!

QUALI SONO LE TUE TRE CANZONI TRISTI PREFERITE DI SEMPRE?
Questa è una classifica che non ho mai fatto, ma mi vengono in mente Shine on You Crazy Diamond dei Pink Floyd, Sometimes It Snows in April di Prince e Pyramid Song dei Radiohead. Sia per la musica che per le parole. Anche Fix You dei Coldplay!

Ecco Fantastiche visioni:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ogni giorno, UNA CANZONE TRISTE. Perché non c’è niente di meglio che ascoltare qualcosa di triste, per provare a essere un po’ più felici.

E poi INTERVISTE, LIVE e PLAYLIST per una dose quotidiana di HypFi.