Marco Fracasia ha 21 anni e viene da Torino, e la sua musica è un insieme di lo-fi e dream pop: canzoni che sembrano sempre sul punto di deragliare, e invece poi finiscono per rimanerti in testa. Come quelle del suo primo EP, Adesso torni a casa: ne abbiamo parlato con lui.

QUANTO TI SENTI HYPFI? CIOÈ, FAI MUSICA TRISTE MA SEI UNA PERSONA FELICE?
Non credo di sentirmi “HypFi”. Ci sono momenti in cui sono triste e momenti in cui sono felice. Faccio musica quasi ogni giorno, sia quando sono triste che quando sono felice. Insomma, non c’è una regola!

QUAL È LA CANZONE PIÙ TRISTE DEL TUO EP, ADESSO TORNI A CASA, E PERCHÉ?
Immagino sia Ipersoap. O almeno, associo Ipersoap a una brutta litigata con una persona a me molto cara, quindi si, per me è Ipersoap.

E QUAL È INVECE LA CANZONE PIÙ FELICE DELL’EP?
Non penso ci sia, nell’ep, un brano “più felice” degli altri. Ogni pezzo, però, riesce ad evocare in me sensazioni diverse. Forse ascoltando Un inizio mi ricordo del momento in cui ho saputo che sarei andato per la prima volta a registrare da Juju (Marco Giudici, che ha prodotto l’ep). Ero talmente felice che senza pensarci presi il mio cane e andai a camminare in mezzo a dei campi coltivati, in una zona poco distante da casa mia. C’era il tramonto, si stava benissimo e ascoltavo i Deerhunter con le cuffiette.

IN CHE MODO LA TUA MUSICA POTREBBE RENDERE FELICE CHI L’ASCOLTA?
Non lo so, in realtà mentre scrivevo non mi ponevo come fine quello di rendere felice qualcuno!

QUALI SONO LE TUE TRE CANZONI TRISTI PREFERITE DI SEMPRE?
Quello che è triste per me può non esserlo per altre persone, ma ecco tre brani che ascolterei ora se stessi male: Bluebird dei Beach House, (They Long To Be) Close To You dei Carpenters e Bobby di Alex G.

Ecco Adesso torni a casa:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ogni giorno, UNA CANZONE TRISTE. Perché non c’è niente di meglio che ascoltare qualcosa di triste, per provare a essere un po’ più felici.

E poi INTERVISTE, LIVE e PLAYLIST per una dose quotidiana di HypFi.