Avevamo parlato di Chiara White per Neroseppia, una sua originale rappresentazione musicale della depressione. Oggi incontriamo la cantante fiorentina per l’uscita del suo secondo album, Pandora: un concept album, ispirato al mito di Pandora, in cui ogni canzone trasforma e trasfigura esseri mostruosi dell’immaginario collettivo per farne nuovi e moderni simboli.

QUANTO TI SENTI HYPFI? CIOÈ, FAI MUSICA TRISTE MA SEI UNA PERSONA FELICE?
Adoro il vostro slogan! Sì, sono una persona felice che fa musica triste, perché la tristezza e, in generale, le cose brutte, difficili, dolorose, esistono e reprimerle ci fa molto molto male… quindi w la musica triste!

QUAL È LA CANZONE PIÙ TRISTE DEL TUO ALBUM, PANDORA, E PERCHÉ?
La canzone più triste dell’album è Dedalo, un brano dedicato al Minotauro o, declinato al femminile, ad una Arianna senza il suo filo, persa nel suo labirinto. La parte più profonda, essenziale e istintiva di noi che spesso non trova riscontro nel labirinto di ruoli, etichette e condizionamenti della vita, soprattutto sul piano affettivo… abbastanza triste per voi?

E QUAL È INVECE LA CANZONE PIÙ FELICE DELL’ALBUM?
Il brano finale Eden, che chiude il cerchio del mio concept sui mostri: la Pandora che aveva aperto il vaso, dopo aver incontrato e accettato (più che affrontato) tutti i suoi mostri, diventa Eva e costruisce un mondo nuovo, basato su presupposti differenti, più liberi ed autentici… sempre che poi non le venga in mente di mangiare la mela!

IN CHE MODO LA TUA MUSICA POTREBBE RENDERE FELICE CHI L’ASCOLTA?
Credo che la musica possa veicolare enormi catarsi nelle persone, almeno a me lo fa spesso (e intendo ascoltarla, non suonarla)… dunque spero che le persone che ascolteranno il mio disco e che come me (ma come tutti) si portano dentro dei fastidiosi e scomodi animaletti, vi si possano riconoscere, sentendosi in qualche modo alleggeriti… insomma spero che i miei mostrini trovino tanti orripilanti fratelli per far loro compagnia! Sono soli da troppo tempo ormai!

QUALI SONO LE TUE TRE CANZONI TRISTI PREFERITE DI SEMPRE?
Exit Music dei Radiohead, Strange di Tori Amos e Unintended dei Muse.

Ecco Pandora:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *