CHI È
Ferrarese, classe 1984, ha esordito a nome Le luci della centrale elettrica l’album omonimo del 2007

CHE GENERE FA?
Indie Pop, Folk, Cantautorato

CHI C’È DI SIMILE?
Brunori Sas, Dente, Samuele Bersani

DOVE TROVO QUESTA CANZONE?
Nel suo primo album a nome Vasco Brondi, Paesaggio dopo la battaglia, in uscita a maggio 2021

COSA DICE IL TESTO?
Con due dita in gola tornavi sereno, vincevi Sanremo / Dicevi: “Cosa saremo, cosa saremo?” / Non siamo niente, siamo diventati quasi normali / Mi sveglio all’alba, non guardo le serie / Qui dove vivo non c’è rete, non c’è gente / Neanche più i vecchi che giocano a carte

PERCHÉ È COSÌ TRISTE?
Perché è “irrimediabile perdita, irrimediabile fiducia. Una specie di poema, noi due come i miti greci ma da noi non si impara niente”

PERCHÉ TI RENDE FELICE?
Perché è una canzone semplice e sincera, impreziosita dal video di Daniele Vicari con Elio Germano

ALTRE CANZONI DE LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA SU HYPFI
Mistica (23.10.2018)
Coprifuoco (06.07.2018)
Chakra (07.05.2018)

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ogni giorno, UNA CANZONE TRISTE. Perché non c’è niente di meglio che ascoltare qualcosa di triste, per provare a essere un po’ più felici.

E poi INTERVISTE, LIVE e PLAYLIST per una dose quotidiana di HypFi.