TrigNO è un giovanissimo cantante piemontese, classe 2002, ha influenze hip hop e R&B ma anche una sua grande originalità, come dimostra nel suo EP d’esordio, chiamato Diciannove come i suoi anni. Un lavoro che racconta problemi, emozioni e necessità della sua generazione, con la voglia di essere sé stessi, lontani
dal conformismo. Ne abbiamo parlato con lui.

QUANTO TI SENTI HYPFI? CIOÈ, FAI MUSICA TRISTE MA SEI UNA PERSONA FELICE?
Penso di essere una persona felice e solare, non faccio trasparire molto le mie emozioni agli altri, ma preferisco esprimerle attraverso la musica, come quando uso le note del telefono come valvola di sfogo per buttare giù i miei pensieri. Ognuno ha i suoi problemi, ma più che triste mi ritengo una persona profonda e questo mi porta spesso a psicoanalizzarmi e a cercare dentro di me qualcosa che non va.

QUAL È LA CANZONE PIÙ TRISTE DEL TUO EP, DICIANNOVE, E PERCHÉ?
La canzone più triste dell’EP è l’intro Filo di Nylon, perché è la traccia che ha il testo più introspettivo. Dopo averlo scritto ricordo che, al contrario, mi sono sentito meglio, come se mi fossi tolto un peso.

E QUAL È INVECE LA CANZONE PIÙ FELICE DELL’EP?
La canzone più felice è Sparano parole, non tanto per il testo che ho scritto, quanto per la strumentale alla quale ho lavorato con il mio producer sedd, che presenta un mood molto più spensierato ed energico rispetto alle altre tracce

IN CHE MODO LA TUA MUSICA POTREBBE RENDERE FELICE CHI L’ASCOLTA?
Penso che la musica in generale aiuti le persone, perché a volte è difficile metabolizzare i pensieri e rendersi conto di cosa ci succede e quindi abbiamo bisogno di qualcosa o qualcuno che lo faccia per noi. Per il genere di musica che scrivo l’obiettivo principale è proprio questo, cercare di farmi capire e aiutare le persone che mi ascoltano ad uscire da certe situazioni o stati d’animo. La cosa che più mi soddisfa nel fare musica è leggere messaggi o parlare con chi mi ringrazia per aver parlato di situazioni analoghe alle loro. Avere un appoggio è importante e sono orgoglioso di esserlo per qualcuno.

QUALI SONO LE TUE TRE CANZONI TRISTI PREFERITE DI SEMPRE?
Jealous di Labrinth, Let It Go di James Bay e When I Was Your Man di Bruno Mars.

Ecco Diciannove:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ogni giorno, UNA CANZONE TRISTE. Perché non c’è niente di meglio che ascoltare qualcosa di triste, per provare a essere un po’ più felici.

E poi INTERVISTE, LIVE e PLAYLIST per una dose quotidiana di HypFi.