Tra atmosfere malinconiche e influenze elettroniche, abbiamo conosciuto Adelasia singolo dopo singolo. Acqua è stato il primo tratto da 2021, il suo album d’esordio: “In questo disco c’è tutta la mia adolescenza, la mia incoscienza e la mia ingenuità. Parlo di gelosia, di tristezza, di malinconia, di pigrizia ma anche di gioia, di tenacia, di amore”. Così lo presenta la giovane cantante toscana, che abbiamo incontrato per saperne di più.

QUANTO TI SENTI HYPFI? CIOÈ, FAI MUSICA TRISTE MA SEI UNA PERSONA FELICE?
Troppo, tutta la tristezza la metto nella musica, nella vita sono molto serena.

QUAL È LA CANZONE PIÙ TRISTE DEL TUO ALBUM, 2021, E PERCHÉ?
Valerio, perché racconta di una storia straziante, l’unica vera storia triste del disco.

E QUAL È INVECE LA CANZONE PIÙ FELICE DELL’ALBUM?
Passato remoto, almeno quando l’ho scritta non volevo che fosse troppo triste.

IN CHE MODO LA TUA MUSICA POTREBBE RENDERE FELICE CHI L’ASCOLTA?
Fa sentire un po’ meno soli forse, parlo di sensazioni che universalmente prova la gente della mia età.

QUALI SONO LE TUE TRE CANZONI TRISTI PREFERITE DI SEMPRE?
Casimir Pulaski Day di Sufjan Stevens, Needle in The Hay di Elliott Smith e Taro degli Alt-J.

Ecco 2021:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ogni giorno, UNA CANZONE TRISTE. Perché non c’è niente di meglio che ascoltare qualcosa di triste, per provare a essere un po’ più felici.

E poi INTERVISTE, LIVE e PLAYLIST per una dose quotidiana di HypFi.