Abbiamo conosciuto Ma Femme est Morte, il progetto di Eleonora Capodiferro, con Chrysaora, una canzone delicata e originale con un sapore vintage. Ora è uscito ANMLS, il nuovo album della cantautrice laziale, e ne abbiamo approfittato per parlarne direttamente con lei.

QUANTO TI SENTI HYPFI? CIOÈ, FAI MUSICA TRISTE MA SEI UNA PERSONA FELICE?
Sono una persona perennemente insoddisfatta, per cui direi che il concetto di felicità è qualcosa di molto opaco per me. Sono tendenzialmente felice, sì, ma non so scrivere canzoni felici. Forse questo la dice lunga sulla mia capacità di autovalutazione! Livello HypFi: molto alto. ANMLS è frutto di un periodo “contento” e questo mi ha permesso di parlare di qualunque cosa volessi. Non ci sono pezzi limitati da pensieri ossessivi, non avevo la necessità di parlare di qualcosa in particolare, così mi sono lasciata scrivere. Il risultato è un’analisi dei sentimenti umani, dall’amore all’intolleranza, dall’abuso di felicità all’odio, in una grande metafora animale.

QUAL È LA CANZONE PIÙ TRISTE DEL TUO ALBUM, ANMLS, E PERCHÉ?
All Bugs Are Gone è la canzone dal testo più intenso. L’ho scritto senza pensarci, è uno stream of consciousness sulla solitudine esistenziale, è la tristezza del sentirsi soli in mezzo alla gente. ABAG è però anche la canzone con la più alta dose di speranza, affida ad un tu immaginario la soluzione alla solitudine. Certo, non è un risvolto sano, ma è pur sempre qualcosa.

E QUAL È INVECE LA CANZONE PIÙ FELICE DELL’ALBUM?
Quando anneghiamo in un nuovo pensiero, in una forte rivelazione, lì crediamo di aver raggiunto l’apice della felicità. Dive è la canzone di una scoperta, di qualcosa di nuovo da catturare, da raggiungere, per questo è anche la più felice, perché in lei c’è la forza del combattere, del raggiungere, ma, soprattutto, del godersi il viaggio.

IN CHE MODO LA TUA MUSICA POTREBBE RENDERE FELICE CHI L’ASCOLTA?
Probabilmente attraverso la forza dell’immedesimazione. Non credo che ANMLS renderà qualcuno felice per ciò di cui parla o per come ne parla, ma sarà un punto d’incontro tra le persone. Sarà quella cosa in comune che spezza la catena del sentirsi soli, almeno un po’. E poi, ANMLS è un viaggio subacqueo, dall’atmosfera variabile ma sempre molto calda ed accogliente: la sensazione con cui se ne esce, non può che essere felice.

QUALI SONO LE TUE TRE CANZONI TRISTI PREFERITE DI SEMPRE?
Parigi di Enzo Carella, Re:stacks di Bon Iver, Compliments dei Bloc Party.

Ecco ANMLS:

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *