CHI È
Una cantautrice americana di St. Louis, nata nel 1987, che ha esordito nel 2012 ma ha raggiunto il successo due anni dopo con Burn Your Fire for No Witness

CHE GENERE FA?
Indie Rock, Folk, Lo Fi

CHI C’È DI SIMILE?
Courtney Barnett, Mothers, Sharon Van Etten

DOVE TROVO QUESTA CANZONE?
Nel suo quarto album, All Mirrors, in uscita a ottobre 2019

COSA DICE IL TESTO?
To forget you is too hard / There’s  still so much left to recover / If  only we could start again / Pretending we don’t know each other

PERCHÉ È COSÌ TRISTE?
Perché racconta come “it’s easy to promise the world to those we love, but what about when our dreams change and values split?”

PERCHÈ TI RENDE FELICE?
Perché questa canzone è come un mantra che ti fa immergere completamente nell’ammaliante suono di Angel Olsen

ALTRE CANZONI DI ANGEL OLSEN SU HYPFI
All Mirrors (31.07.2019)
Wild Dogs (29.10.2018, con H.C. McEntire)
Burnin’ Up (05.01.2018, con Sonny Smith)
Special (26.10.2017)
Heartstruck (Wild Hunger) (23.10.2017, con Hamilton Leithauser)
Acrobat (live, 01.06.2017)
Pops (24.01.2017)

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ogni giorno, UNA CANZONE TRISTE. Perché non c’è niente di meglio che ascoltare qualcosa di triste, per provare a essere un po’ più felici.

E poi INTERVISTE, LIVE e PLAYLIST per una dose quotidiana di HypFi.