Dobbiamo ammetterlo: Rachel Sermanni è una delle nostre cantanti folk preferite. Sarà per le sue origini italiane (il nonno arrivò in Scozia da un paesino della provincia di Lucca), sarà per la sua dolcezza ma anche per la sue determinazione (il suo nuovo album è stato finanziato in maniera assolutamente indipendente su Kickstarter), ma le sue canzoni ci fanno sempre star bene. So It Turns è uscito ad agosto ed è una raccolta di canzoni folk che parlano delle varie forme di cambiamento, da quello politico a quello personale, visto anche che l’album è uscito poco dopo la nascita della prima figlia di Rachel, Rose. Abbiamo parlato con lei per capire insieme perché la sua musica ci rende così felici.

QUANTO TI SENTI HYPFI? CIOÈ, FAI MUSICA TRISTE MA SEI UNA PERSONA FELICE?
Molto spesso la risposta è sì. Ma ovviamente non sono sempre felice e le mie canzoni non sono sempre tristi. Però più o meno è così… diciamo che se la felicità può essere messa in correlazione con la riconoscenza, allora posso definirmi una persona riconoscente.

QUAL È LA CANZONE PIÙ TRISTE DEL TUO NUOVO ALBUM, SO IT TURNS?
Quella più triste probabilmente è proprio So It Turns, l’ultima canzone dell’album. Anche se parla dell’accettazione della provvisorietà e del cambiamento, non riesce a farseli piacere. Quando l’ho scritta stavo ancora male per il fatto che tante cose erano cambiate attorno a me e non riuscivo semplicemente a dire “beh è la vita”, a sorridere e guardare avanti. Era davvero doloroso sentire che le cose cambiavano e non nel modo in cui speravo.

E QUAL È QUELLA PIU’ FELICE?
See You è sullo stesso argomento di So It Turns, ma la precede in ordine temporale. È piena di giochi e frenesie infantili ed è senza dubbio la canzone più felice dell’album: è pura luce del sole.

IN CHE MODO LA TUA MUSICA POTREBBE RENDERE FELICE CHI L’ASCOLTA?
Credo che la musica che stai ascoltando possa entrare in contatto con ciò che stai passando. Questo contatto ti fa sentire in un certo qual modo compreso, facendoti sprofondare nelle emozioni sapendo però di essere circondato da una profonda comprensione e dalla sensazione di non essere soli e isolati. Siamo come stelle, soli ma interconnessi in una miriade di costellazioni. L’arte rende tutto ciò evidente e chiaro a tutti.

QUALI SONO LE TUE TRE CANZONI TRISTI PREFERITE DI SEMPRE?
Tutto l’album Carrie & Lowell di Sufjan Stevens è un ottimo esempio di canzoni tristi che sono davvero belle e significative per tanti aspetti, sono canzoni curative. Poi anche The Sea to the Shore di Robby Hecht è di una bellezza straziante.

Ecco l’album So It Turns:

E l’intervista in lingua originale con le parole di Rachel Sermanni:

ARE YOU HYPFI? I MEAN, IS YOUR MUSIC SAD BUT ARE YOU AN HAPPY PERSON?
A lot of the time the answer is yes. But, of course, I’m not ALWAYS happy and my songs are not ALWAYS sad…but it is a good average ratio…I wonder if happiness can equate to gratitude…i feel like I’m quite a grateful person.

WHAT IS THE SADDEST SONG IN YOUR NEW ALBUM, SO IT TURNS? AND WHY?
The saddest is probably So It Turns. The last song on the album. Even though it is accepting of the fact of impermanence and change, it still doesn’t like it. I was still hurt by the fact that things had changed around me. I couldn’t just be like ‘oh that’s life’ and smile and move on. It was painful to feel things changed and didn’t go the way I’d hoped.

WHAT IS THE HAPPIER SONG IN THE ALBUM? AND WHY?
See You is the song that is about the same subject matter to So It Turns but is earlier in the timeline. It is full of childish play and excitement. It is definitely the happiest of the songs on the album. It is all sunshine.

WHY LISTENING TO YOUR MUSIC SHOULD MAKE A LISTENER HAPPIER?
I think listening to music has the potential to resonate with what you’re going through. This resonance makes someone feel like they are understood, that they can really sink into the emotion knowing they are surrounded by a deep understanding and sense of having company in isolation. We are like stars. Alone but connected in myriad constellations. Art makes this obvious and known to us.

CAN YOU TELL ME YOUR THREE FAVORITE SAD SONGS EVER?
The whole of the album, Carrie & Lowell, by Sufjan Stevens is a good example of a lot of sad songs that are so perfectly beautiful and on so many levels. They are healing songs. The Sea to the Shore by Robby Hecht is also a heartbreaking beauty.

LE CANZONI DI RACHEL SERMANNI SU HYPFI
What Can I Do (29.06.2019)
Gently III (live 03.07.2016)

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ogni giorno, UNA CANZONE TRISTE. Perché non c’è niente di meglio che ascoltare qualcosa di triste, per provare a essere un po’ più felici.

E poi INTERVISTE, LIVE e PLAYLIST per una dose quotidiana di HypFi.